Emoji.Origine, utilizzo ed implementazione completa.

La parola “emoji” deriva dal giapponese (‘e’)immagine + (moji)personaggio.

Contrariamente alle credenze essa non ha nulla a che spartire Con la parola inglese “emotion”.

La prima fu creata nel lontano 1999 dall’artista giapponese Shigetaka Kurita che, lavorando insieme ad un team di sviluppo su una piattaforna mobile del maggior operatore di telefonia del Giappone.

Originariamente erano 176 e misuravano 12 X 12 pixel e si presentavano diversamente a quelle a cui siamo abituati.

Non erano faccine di colore giallo, trasmettevano meno emotività e davano più significato diretto.

Le emoji sono utilizzate in tutto il mondo e sono di immediata comprensione,rendendole l’unico linguaggio universale.

Messe insieme esse assumono un significato linguistico proprio.

EMOJI:COMUNICAZIONE E MARKETING

Alcuni esperti di marketing sostengono che le emoji non dovrebbero essere utilizzate da aziende “B2B” serie, ma penso sia un cattivo consiglio.

Si non sono simbolo di serietà o professionalità ma il non uso oggigiorno potrebbe far passare il messaggio di un brand noioso, vecchio e morto.

Quindi alla domanda di se dovreste usare le emoji nella vostra comunicazione aziendale e nella crescita del vostro brand, non esiste e l’unica domanda da porsi è dove e come usarle.

Ovviamente non dovranno essere usate nelle comunicazioni professionali quali fatture, risposte a reclami ecc.

Ma esistono altri canali ed opportunità per poter utilizzare le emoji nella nostra comunicazione, canali che il 92% del mercato utilizza.

Diamo un’occhiata il miglior utilizzo ed i migliori canali in cui i Brand posso utilizzare le emoji …

APP DI MESSAGGISTICA

L’utilizzo più comune delle emoji sono attraverso le appdi messaggistica istantanea.Pensa a WhatsApp, Messenger,Instagram, Telegram

…L’utente medio Le usa per rispondere rapidamente alle loro connessioni,trasmettere delle emozioni o enfatizzare un messaggio.

Come soggetti che operano nel Digitale, il nostro obbiettivo deve essere quello di parlare lo stesso linguaggio che parla il nostro interlocutore, il nostro cliente e l’utilizzo delle emoji deve far parte di questo percorso.

Non è un segreto che l’utilizzo dei Chatbot e la messaggistica istantanea tra brand e clienti negli ultimi 2-3 anni siano decollati.

Ogni azienda o professionista che hanno una presenza online, dispongono di un sistema chatbot sia sulla propria pagina facebook che sul proprio Sito Web.

Essi consentono alle aziende di interlocuiare rapidamente con i propri clienti o potenziali tali, rispondere alle loro fomande, conoscere meglio le esigenze di mercato e le emoji posso essere molto di aiuto in questo.

Le emoji danno quel tocco d’umanità al nostro Chatbot rendendolo divertente e carismatico.

Le emoji possono essere anche utilizzate dai nostri clienti per attivare una risposta automatica dal proprio Chatbot.

ANNUNCI SOCIAL

Le emoji disturbano catturano attenzione, rendendole una formidabile arma nelle nostre conversazioni sui Social Media.

L’uso di esse migliorano il rendimento dei nostri annunci in relazione all’obbiettivo delle nostre campagne.

Oltre alle emojii superspecifiche per le varie nicchie, ce ne sono alcune utilizzatissime e in monune tra tutte le nicchie di mercato.

Ce ne sono alcune che preferisco e consiglio e sono:

  • Sveglia Rossa: Simboleggia scarcity temporale e aumenta la necessità di un’azione immediata.E’ ottima come aggiunta ad un’offerta a tempo limitato e punta ai click.
  • Fire emoji:Un vero colpo d’occhio, e una dell emoji più belle e popolari.Essa evidenzia qualcosa in fase di decollo in fase di ascensione e viene immediatamente riconosciuto dal 99% dei nostri utenti.
  • Stop rosso:Simboleggia il segnale di stop, consiglia al nostro pubblico di fermarsi sui nostri annunci.
  • Occhiali da Sole:Un’altra bella emoji che oltre al colpo d’occhio, crea un senso di realizzazione.Se si condivide valore questa potrebbe rappresentare il complimento perfetto.
  • Emoji stupito:Essa crea un senso d’intrigo , poichè la maggior parte delle persone è curiosa.

Emoji nelle nostre E-MAIL

Bisognerebbe usarle su diverse postazioni, tipo l’ogetto della mail.

Il consiglio è quello di utilizzare una o max due emoji nell’apertura del messaggio.

emoji

Ciò consente di utilizzare un soggetto scritto per dare alle e-mail un titolo chiaro e non dia senso di spam.

Oltre all’oggetto potremmo utilizzare le emoji nel testo delle nostre e-mail professionali(fatture o ricevute).

Molti utenti passeranno in rassegna la lettura del contenuto della nostra e-mail, ma includendo le emoji potremmo interagire nuovamente con loro.

Utilizare le emoji nel corpo del testo renderà il contenuto simile ad una conversazione, ad un messaggio amichevole.

Emoji nel BLOGGING/CONTENT MARKETING

Usandole nei nostri siti web dovremmo sempre fare in modo che il nostro stile, la nostra professionalità sia riconoscibile.

Dovremmo sempre dare l’idea all’utente di capire dov’è e cosa tratta il nostro sito/business.

Emoji nei SOCIAL MEDIA

Il loro utilizzo dovrebbe diventare per noi un’abitudine, usarle sia nei post che giornalmente pubblichiamo quanto nei commenti che postiamo.

Per le persone alle prime armi l’uso delle emoji dovrebbe essere una costante nella loro partecipazione Social.In più azioni di questo tipo unite alla condivisione di contenuti di altre persone, porterà facilmente dei ritorni.

Inoltre potremmo commentare contenuti della nostra nicchia target con le emoji sui Social per catturare e rubare l’attenzione da parte dei loro followers.

Dovremmo anche fare per cosi dire una spiata di tanto in tanto ai nostri followers, analizzare i loro post, che tipo di emoji utilizzano, per farci un’idea di quello che è il trend del momento, dando degli spunti sull’utilizzo da parte nostra.

FEEDBACK

Molti dei nostri utenti oggigiorno non hanno il tempo per lasciare feedback, semplicemente perché troppo impegnati.

A questo proposito sono stati creati plugin che consentono agli utenti di fare semplicemente click sull’emoji per rilasciare la propria opinione e descrivere la propria esperienza.

Consentire questo tipo di esperienza ai nostri utenti, veloce, con pochissima perdita di tempo e con pochissimo sforzo, le rende una forma altamente reattiva per la raccolta feedback.

CONCLUSIONI

Le emoji offrono ai brand un’incredibile opportunità di essere socievoli, divertenti e vicini al loro mercato di riferimento.

Siccome è importantissimo parlare la lingua del nostro mercato Target, sulle loro piattaforme, l’uso delle emoji in modo ragionato può portare innumerevoli benefici al nostro business e non solo.

Come per tutte le cose l’abuso provoca anche danno, quindi l’attenzione nell’uso di queste semplici alleate deve essere ben considerata, evitando che invece di darci un aiuto nel nostro business, provochi una perdita di clienti o potenziali tali.

Bene penso di aver detto tutto quello che avevo sacco.Tu invece che ne pensi del loro utilizzo?

Scrivi nei commenti la tua opinione.

Gennaro Landolfi

Gennaro Landolfi

Condividi quest'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Articoli Correlati

Who Am I?

Sono un funnel hacker, Growth & Digital Manager Freelance. Lavoro sui miei progetti e quelli di chi si affida alle mie mani in ambito Digital, per far crescere le proprie realtà. Ho una passione sfrenata per la sperimentazione, mi definisco uno "smanettone" e amo smontare la "SCATOLA". Non mi fermo mai , se non per riflettere ;) e non mi sento e non mi do mai per arrivato, anzi studio, leggo ed applico in continuazione quello che imparo. Il Mio Eroe? Chi se non Wolverine, tormentato , mai in pace con se stesso, mai finito e continuamente alla ricerca di stimoli per andare avanti e proseguire la mia ricerca in quello che credo. Sono un tipo "Pacioso" ma quando c'è bisogno, tiro fuori gli artigli

LA MIA NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere periodicamente info sulle tematiche di cui tratto!

Segui la mia Fanpage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.